Perché il Pakistan ha espulso oltre un milione di rifugiati afghani

Perché il Pakistan ha espulso oltre un milione di rifugiati afghani

Mercoledì scorso Islamabad ha iniziato a espellere oltre un milione e mezzo di immigrati afghani irregolari. Ma non si tratta solo di immigrazione.

In questa fase la traiettoria di Afghanistan e Pakistan è intrecciata. Fin dalla metà degli anni Settanta milioni di cittadini afghani sono emigrati verso oriente in cerca di condizioni di vita migliori. La ritirata statunitense del 2021 ha consentito ai talebani di tornare al potere, acuendo ulteriormente la profonda crisi sociale che attraversa Kabul.

Al contempo il Pakistan, stravolto dalla violenza, fatica a trovare una stabilità politica ed

economica. L’esercito pachistano, detentore di una fortissima influenza nel paese, è al centro di uno scontro con l’ex primo ministro Imran Khan, condannato a tre anni di carcere. L’immigrazione irregolare e contribuiscono a cristallizzare un paese sull’orlo del collasso, ad un passo dalla bancarotta.

Intanto negli ultimi anni la frequenza degli attentati terroristici sul territorio pachistano è aumentata drasticamente, facendo registrare oltre mille morti solo negli ultimi dieci mesi. Il governo afghano è al centro della violenza, accusato di appoggiare i talebani pachistani (Ttp), il gruppo terroristico più attivo nel paese. Da qui la scelta di Islamabad di espellere gli immigrati di Kabul.

Secondo il Pakistan gli immigrati afghani irregolari rappresentano un insostenibile fardello

economico e una minaccia alla sicurezza nazionale. Il capro espiatorio perfetto per costringere i talebani a ridurre l’appoggio ai Ttp.

Incapace di gestire una mole tale di flussi migratori verso l’Afghanistan, Kabul dovrà concentrarsi sul fronte interno, pena il cedimento strutturale dei propri confini. Con il rischio che la mossa di Islamabad possa rivelarsi controproducente e sfociare nella violenza.

OFFERTA ABBONAMENTI

Offerta abbonamenti

Abbonati a 12 numeri di DOMINO a 100 euro

compresi i costi di spedizione*, invece di 120 euro.

L’abbonamento comprende 12 numeri (mensili) a decorrere dalla prima uscita successiva alla sottoscrizione.

*tariffa valida per l’Italia. Il prezzo per gli abbonamenti con consegna fuori dall’Italia varia a seconda del Paese di destinazione e viene calcolata una volta inserito l’indirizzo

Subscription